[PROLOGO] Capitolo 4 - La tragedia del night sky

13.03.2020

I Soulworker riescono a sconfiggere i SoulJunk e la SFL propose una pace permanente ai Bashai. 

Per evitare la pace, Amad invia un Bashai sotto i suoi ordini a uccidere Lord il giorno prima del trattato. 

L'umanità quando perde il suo leader è furiosa, e la colpa cade sui Bashai. Poco dopo, il corpo di Lord fu preso da Amad e inviato nel Grande Vuoto, così che lui potesse studiare i Soulworker, e nessuno dei SoulWorker a capo della SFL parlò mai della scomparsa del corpo di Lord. Lord è il titolo rivolto ai capi supremi della Starry Forest League. Dopo la morte di Ladi (vero nome di Lord) , i suoi collaboratori più stretti presero il controllo della SFL in un concilio. La vera identità dei Lord è segreta a causa della paura che essi potrebbero essere presi di mira da attentatori. Ogni loro ordine è legge a Cloudream.

Internamente alla SFL si crea un'organizzazione speciale, il commando Orca una divisione segreta che prende ordini diretti dai Lord della Starry Forest League. Il commando Orca ha assunto il compito di assicurare la stabilità interna della SFL, uccidendo ogni persona che abbia il desiderio di rivoltarsi al volere dei Lord a Cloudream. L'esistenza del Commando Orca è considerata dagli abitanti di Cloudream una bugia di cui si parla per rispettare i Lord, ma il Commando Orca esiste effettivamente.

Passano 5 anni e il Tenebris senza memoria scacciato dal Vuoto, acquisisce poteri sovraumani ed entra a far parte della SFL grazie al suo senso di giustizia e la sua forza. 

In questo periodo, Kent divenne amico di Tenebris nel ruolo di Amad. Tenebris gli confessò che si sentiva tradito dal fatto che i Soulworker come lui venivano letteralmente trattati come oggetti usarti dai Lord, e Amad gli consigliò di cercare giustizia. 

Trascorrono altri 5 anni e Tenebris, convinto da Kent, crea un gruppo di Soulworker ribelli contro i Lord della Starry Forest League, chiedendo più diritti, formando la Dark Moon Nocterne League. 

La loro ribellione, che aveva tremendamente pressato la SFL, stava per avere successo, fino a quando non intervenne Roska. Per questa non era possibile un alleggerimento di posizione da parte della SFL, nè tanto meno il suo scioglimento, e anzi lei aveva paura che i membri della ribellione sarebbero diventati altri Desireworker a causa di Kent. Roska si presenta di persona e brucia vivi tutti (o quasi) i Soulworker, in quello che fu chiamato il giorno in cui "amaramente piansero le stelle" o "tragedia del night sky".