[PROLOGO] Capitolo 3 - I DesireWorker

10.03.2020

L'insediamento dei Sinforcer nel Grande Vuoto prende il nome di Grasscover Camp, ed è guidato da Kent, conosciuto ormai col nome di Amad e da Tenebris, suo vice.

Il dominio, però, del Grasscover Camp, è messo a dura prova. La Sinforce, che è il nutrimento del Grande Vuoto e la responsabile della creazione dei Soulforcer, viene combinata da due desideri estremamente potenti e incontrollabili: il desiderio di vendetta, provata da Haru Estia, e la follia, che si impadronì di Lily Bloomerchen. Due ragazze, una vendicativa e una folle, diventano dei SoulForcer potentissimi ed evoluti, spinti da desideri devastanti e prendono il nome di DesireWorker. 

Haru e Lily attaccano il campo con l'obbiettivo di distruggerlo. Tenebris e i suoi alleati riescono a sanare la ribellione delle due DesireWorker ma, piuttosto che ucciderle, Amad consiglia a Tenebris di imprigionarle e sfruttare il loro potere. L'idea di Amad è creare altri DesireWorker ma sotto il suo controllo ed usare poi questi contro Roska. Il piano riesce, e i quattro Soulforcer più potenti del campo entrano a contatto con le due ragazze, assorbendo la loro energia. Amad caccia Tenebris dal Grande Vuoto privandolo della memoria. Tenebris è ormai fuori dal Grande Vuoto ma la sua essenza immateriale, la sua memoria, rimangono nel Vuoto senza che Amad ne sia a conoscenza, considerando Tenebris ormai fuori.

Sei DesireWorker sono ormai sotto il controllo di Amad: Haru Estia col desiderio di Vendetta, Lily Bloomerchen animata dalla Follia, Stella Unibell vittima della Tristezza, Iris Yuma accecata dalla furia, Erwin Arclight schiavo del Piacere e infine Jin Seipatsu travolto dalla Passione.

Un anno dopo questi eventi, Amad può, quindi, mettere a punto il suo piano finale: portare i Bashai nel Second Stair. Questi combattono contro gli ultimi umani rimasti fino a quando non si presenta un nemico comune ben più grande: i SoulJunk.

I SoulJunk per la prima volta attaccano l'umanità e Queen conferisce a Mad Edgar a Rucco Town, la missione di corrompere gli umani per trasformarli in marionette sotto il suo controllo tramite il Pike, assicurando, cosi, ai Souljunk di essere gli unici capaci di agire ed insediarsi vicino al Grande Vuoto, e pertanto "prendere" dalla loro parte qualsiasi Soul Forcer esca da esso.

Di fronte a questa minaccia, i Bashai e gli umani si alleano scambiandosi conoscenze militari.

Nel frattempo, nel Second Stair nasce il primo Soulworker, che prenderà il nome di Lord, dall'enorme intelligenza emotiva necessaria per guidare gli umani rimasti contro questi nuovi nemici. 

Lord fonda la Starry Forest League, per cercare di ripristinare l'ordine a Cloudream a seguito dell'arrivo dei nuovi nemici. 

La Ned Company, capitanata da Godren, che vendeva merci varie, cambiò settore e iniziò a vendere e produrre munizioni alla SFL, trasformandosi in un enorme business. 

I SoulWorker sono SoulForcer incredibilmente forti grazie alla presenza di una singola emozione predominante, cosi come i DesireWorker sono spinti invece da un unico desiderio superiore. Roska considera i Soulworker come contrapposizione naturale ai Desire Worker e come un metodo per ripristinare l'ordine e sconfiggere l'insubordinazione di Kent, e pertanto lascia vivere e agire Lord e i Soulworker, sebbene la loro esistenza non fosse prevista dai piani di Dio.